S Centro Culturale Candiani - Musica
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. Vai alla versione stampabile della pagina
  2. Vai alla mappa del sito
  3. 

 

Contenuto della pagina

 
 

PERSIAN CLASSICAL MUSIC






venerdì 6 marzo, ore 21.00

PERSIAN CLASSICAL MUSIC
The Art of Improvisation
in collaborazione con la Casa della Cultura Iraniana

ingresso: intero 18 euro – ridotto 15 euro
Riduzioni per Candiani Card, Cinemapiù, IMG Card studenti
Biglietti in vendita alla biglietteria del Centro

auditorium quarto piano


Locandina concerto
 
 
 

MUSICA E STRUMENTI DA UN “ALTRO MONDO”
Suoni, melodie, ritmi e improvvisazioni che ci introducono al magico mondo della musica tradizionale persiana con emozioni e spettacolo in un unico viaggio verso l’estasi; una vertigine ipnotica che collega Terra e Cielo.  Hossein Alizadeh, nato a Teheran, vive in Iran dove è considerato il più grande ostad  (maestro) di Tar, liuto a manico lungo a doppia cassa armonica,  punto di riferimento assoluto per le nuove generazioni di musicisti iraniani. Candidato più volte ai Grammy Awards, ha tenuto numerosi concerti in vari paesi del mondo e in Italia.  
Saba Alizadeh ha studiato con i più grandi maestri oltre alla musica persiana anche musica elettronica sperimentale in California. Suona il Kamancheh, una viella ad arco a puntale, strumento tradizionale della musica persiana.
Behnam Samani, virtuoso delle percussioni, suona in questo concerto il Tombak, tamburo a calice. La sua tecnica estremamente sofisticata combina percussioni, rollii leggeri e veloci colpi, dando vita a una ricca varietà di toni e sfumature che accompagnano sia le melodie che i ritmi.
Tre musicisti iraniani che con la loro musica e la loro geniale maestria toccano le corde più profonde del cuore del pubblico in un concerto che diventa una composizione musicale unica e irripetibile, che stupisce ogni volta per lo stile e la potenza espressiva, che lega i musicisti nella forza mistico-estetica della creazione spontanea.  
                  Reza Rashidy

 
 

Menu di sezione